giovedì 25 agosto 2011

CALDO EGIZIANO ALLUCINANTE

Ufficio, ore 8.30 a.m.
Temperatura: 30° centigradi.
86° Fahrenheit.
303.15° Kelvin.
Entro in ditta in groppa ad un cammello, vestita da odalisca e con i 7 veli che mi si appiccicano addosso tipo strato di domopack sul pollo arrosto.
Sono bagnata come la Pellegrini a fine gara. Ma non odoro di cloro.
Ad accogliermi, il beduino del film "La Mummia", che cuoce thè e pane azzimo usando la mia scrivania incandescente come piastra.
Mi saluta scuotendo la scimitarra e fà un verso gutturale al cammello, il quale si china pericolosamente in avanti per farmi scendere.
Rischio l'osso del collo e 4 vertebre, nell'atterraggio. Le pantofole a punta stile marajà non aiutano.
Beduino mi offre il thè, che si aggirerà intorno ai 5.000 gradi, ma rifiuto gentilmente ed opto per una CocaLight ghiacciata, presa direttamente dal freezer del collega-Precisetti, il quale nel suo ufficio indossa pail, guanti e sciarpa con renne di Natale, poichè gode di Super Split Turbo ad Iniezione, e vedo i pinguini di Madagascar ballare per lui battendo i denti per il freddo.
La lattina è ricoperta da stallattiti di ghiaccio che mi strappano una lacrima di commozione e mi riconvertono alla religione cattolica.
Ma dura poco.
Tornata nel mio ufficio, in pochi secondi la bambolina ipertruccata tutta faccia, disegnata sulla lattina, si liquefa sotto i miei occhi.
L'aria è così calda che crea un alone offuscato come quello dei movies on the road, e io cerco sul mio naso un paio di occhiali da disappannare, accorgendomi solo all'ultimo di non averne mai fatto uso.
Il sudore non fa in tempo ad uscire dai pori che evapora, sublima, si smaterializza.
Fuori dalla finestra scorgo in lontananza un'oasi di palme, con ruscelletto limpido, banani e cocchi, ed un MioMiniPony bianco che balla la macarena.
Butto la Coca Light -che alle 8 del mattino magari non era proprio il caso eh! - e scrivo a Beppe Grillo dei suoi effetti allucinogeni: eccheccacchio, se proprio devi darmi un miraggio, almeno mettici un figone, nell'oasi, altro che MioMiniPony!!!!
Al mio tentativo di accenderlo, il ventilatore scoppia in una fragorosa risata.
E inizia il conto alla rovescia per l'autodistruzione, con la voce roca di Clint Eastwood.

... -5 ... -4 ... -3... -2 ... -1 ...

Esplosione.

La cappa di afa è così densa che non subisce minimamente lo spostamento d'aria dell'urto esplosivo.
Mi pare di sentire solo una pseudo-carezza sul coppino.
Addio ventilatore. Rest in peace.
Il vano dell split dell'aria condizionata è a tutti gli effetti vuoto, ma occupato abusivamente da una colonia di ragni ballerini, dalle lunghe zampe sottili e disturbi alimentari catalogati nell'asse I del DSM IV.
In piedi sulla scrivania, osservo per 5 minuti le prove del Lago dei Cigni, e poi me ne torno giù.
Dello split vero e proprio, neanche l'ombra.
Fuori in terrazzo, Mel Gibson, Bruce Willis e Jon Bon Jovi prendono il sole su sdraio a fiorellini, con protezione solare della Just fattore 60.
Eppure sembrano sciogliersi come il rivestimento del Magnum Double quando lo tieni troppo tempo in mano. Distolgo lo sguardo perchè la scena è troppo splatter.
Beduino nel frattempo pianifica un'irruzione nell'ufficio di Precisetti, e per la suddetta recluta in ordine: i Sette Nani, Conan il Barbaro e Jackie Chan.
Quest'ultimo s'è portato una scala a pioli, perchè le botte acrobatiche senza una scala non le sa dare.
Il piano è semplice: Conan butta giù la porta, i Nani rendono inoffensivi i pinguini, e Jackie Chan fa un pò di scena con la scala e i suoi urletti, mentre Beduino lega come un salame Precisetti e lo chiude nello sgabuzzino delle scope.
Morale: l' ufficio fresco tutto per noi.
Chiedo di attendermi pochi secondi, il tempo di un Pit Stop alla toilette, ma quando torno la situazione è degenerata.
E la scena che mi attende è raccapricciante.
Conan seduto per terra, in lacrime, mentre dall'iPhone di Precisetti guarda in streaming il SUO remake, in questi giorni nelle sale.
I pinguini di Madagascar e i Sette Nani, trovandosi perfettamente in 11, hanno disegnato un campo da calcetto in terrazza e giocano 5 contro 5 con quel pirla di Brontolo che fa l'arbitro.
Come palla, la testa calva di Bruce Willis.
Maschi.
Precisetti, Beduino e Jackie Chan giocano a Scala 40.
Precisetti con il pail.
Beduino con i guanti.
Jackie Chan con la sciarpa.

Desolata, prendo un'altra Coca Light dal freezer, chiamo il cammello, ed esco.
Direzione: oasi.
Hai visto mai che faccio da Marta Flavi tra Cammello e MioMiniPony.

4 commenti:

sononera ha detto...

Prova Prova, ah ah ah sto al cazzeggio totale oggi ILA!
In ogni caso mi hai fatto scompisciare, e l'unica domanda che mi è venuta il mente è: ma come cavolo si fa a non avere l'aria condizionata in ufficio nel 2011?????? i tuoi capi sono pazzi. Resisti tesoro!

sononera ha detto...

Evviva!!! funziona funziona!!

ILA ha detto...

EVVIVAAAAAAAAAAA!!!! :)
ERO GIA' INCAVOLATA COME UN'ANGUILLA!!! ;P

PS. Il mio capo è un braccinocorto infame che gira con Rolex, Cayenne e villa a Porto Cervo, mentre io schiatto senza aria condizionata....

Unknown ha detto...

Miiii, non ci credo...!
L'aria condizionata in ufficio è l'unica cosa positiva di questo rientro traumatico dalle ferie (per la serie "almeno stiamo al fresco") - che altri motovi per stare allegri mica ce ne sono.
Solidarietà - tieni duro ancora qualche giorno, che poi mi sa che l'autunno incomberà minaccioso.
Buona giornata
Chiara